Lettera Aperta a Sostegno dei Coworking, Uffici flessibili e Centri di Innovazione

Pubblichiamo molto volentieri la lettera aperta degli spazi di coworking, business center e spazi di innovazione finalizzata a sensibilizzare la pubblica opinione e i decision makers sul momento critico del settore, contenente alcune proposte di modifica del DL Cura Italia.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lettera Aperta a Sostegno dei Coworking, Uffici flessibili e Centri di Innovazione

“proposta di modifica dell’Art. 65 DL Cura Italia”

 

Italia, 22 aprile 2020

 

Al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte,

Al Ministro dell’Economia e delle Finanze Prof. Roberto Gualtieri, 

Al Ministro dell’Innovazione tecnologica e digitalizzazione, Paola Pisano

Al Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio

Ai Deputati e Senatori del Parlamento italiano

Ai Presidenti delle Regioni


Egregio Presidente,

Egregi Ministri, Onorevoli, Senatori, Presidenti delle Regioni,

nell’esprimere apprezzamento, come cittadini e imprenditori, per quanto messo in atto per l’emergenza sanitaria, chiediamo di dare ascolto al nostro settore. Perché esso non soffre meno di altri, e concentra capacità che si riveleranno essenziali per il rilancio.

Il nostro settore è quello dei Coworking, Uffici flessibili, Business center e centri di innovazione. Raggruppa più di 700 Spazi di Coworking, ove operano migliaia di lavoratori autonomi e microimprese del terziario; più di 37 Incubatori Certificati, ove nascono e crescono centinaia di startup e imprese innovative; più di 250 Business Center, sedi di professionisti e aziende di ogni età e specializzazione.

Occupa direttamente circa 5.000 addetti e organizza spazi e servizi per oltre 150.000 fruitori, che in essi trovano le condizioni per operare.

risultati di questi ultimi anni – grazie a investimenti in immobili, piattaforme di servizio, tecnologie – sono stati importanti. Hanno risposto alla domanda di ambienti di lavoro sostenibili ed evoluti per fare impresa, crescere e creare occupazione. Luoghi che prima non c’erano, e che hanno anche animato il recupero edilizio.

Se si escludono le imprese del settore dal sostegno previsto per altri settori, tutto questo potrebbe fermarsi, riportandoci indietro e facendo mancare ai futuri programmi di rilancio, idee, energie e inneschi nel territorio. Questo non deve avvenire, nell’interesse di tutti, perché i nostri centri sono nati nel territorio, spontaneamente e come hub di servizio connessi al mondo delle professioni, alle Università, alle filiere, al mondo digitale.

Prendiamo atto delle disposizioni del  DPCM, 8 marzo 2020, che hanno disposto il lockdown di talune filiere, inclusa la nostra, e poi anche di provvedimenti d’aiuto successivi, di cui apprezziamo lo spirito, ma 

auspichiamo che:

  • il  Decreto Liquidità del 4 aprile sia accompagnato da disposizioni che rendano più certi ambiti d’applicazione, tempi e procedure;
  • l’art. 65 del DL Cura Italia e le sue successive proroghe siano estesi a tutti gli affitti e locazioni professionali, nonché noleggio uffici e postazioni in modo che sia i nostri clienti sia gli operatori del settore possano sentirsi sostenuti in questa fase;

Non abbiamo però solo da chiedere. 

Abbiamo anche molto da offrire, perché il nostro settore può anche favorire la fruizione di luoghi di lavoro più sicuri rispetto a molte piccole imprese e studi professionali. Esso infatti si candida a:

  • ad adottare in modo ancora più stringente, controllato ed efficace, i protocolli di sicurezza e protezione dai contagi e di sanificazione;
  • ad essere di riferimento per tutti i soggetti che vogliono sperimentare o dare consistenza alle nuove prassi di organizzazione del lavoro – dal team working allo smart working – che necessitano di piattaforme solide e sicure, non di semplici collegamenti da casa;
  • a contribuire all’ammodernamento delle strutture tecnologiche fruibili da chiunque, in risposta alle policy per la digitalizzazione diffusa;
  • a creare condizioni di favore per i più giovani, che in questa fase vivono le maggiori difficoltà;

Non va dimenticato che, contrariamente al home-working forzato di queste settimane, i coworking sono luogo simbolo di conciliazione tra vita e lavoro, una modalità organizzativa pensata per il benessere dei lavoratori e delle loro famiglie. Il coworking dovrebbe essere pertanto uno dei principali modelli organizzativi per l’uscita dalla fase emergenziale.

Il nostro profilo di innovatori è oggetto di frequenti e lusinghiere rappresentazioni sui media. In quelle rappresentazioni, non è però mai evidenziato abbastanza quanto impegno è necessario per giungere al risultato. E quanto quel risultato possa essere volatile in situazioni di difficoltà come quella che stiamo vivendo.

La maggior parte degli operatori del settore, seguendo le direttive, ha sospeso l’attività. Altri l’hanno drasticamente ridotta. Tutti con perdite che pongono interrogativi per il futuro, e che, in alcuni casi già si traducono nel dubbio di poter ripartire.

L’invito più appassionato e civile è di potervi incontrare nelle sedi più opportune per avviare subito un dialogo costruttivo, sulla base di ragioni rilevanti non solo per il nostro settore, ma per tutti. Lo ripetiamo: non abbiamo solo da chiedere, ma anche da dare.

Con la fiducia che le proposte portate alla Vostra attenzione possano essere presto adottate, vi auguriamo buon lavoro e porgiamo i nostri migliori saluti.

 

Primi Firmatari:

Pietro Cotrupi – inCOWORK Milano

Antonino Imbesi – GoDesk Potenza

Simone Brunello – CoopUp Rovigo

Ronnie Garattoni – WareHouse Coworking Factory San Costanzo

Annamaria Malaisi – Navitas Civitanova Marche

Alessandro Catellani – Coworking Officine Arti Audiovisive Parma 

Emanuele Di Veroli – Lab 606 WorkSpace Roma

Luca Bocedi – Officine On/Off Parma

Francesca Orsini – Labora Pavia

Nadia Sguazza – LinkNow Coworking Lodi

Teodora Gavioli – FHub Fabriano

Galatea Bianchini – Spazio Concrete Roma

Alberto Bassi – Lab 121 Alessandria

Daniela Bensi – New Work Coworking Bollate

Silvia Paoli Tacchini _ Spazio Oblò Udine

Vanessa Trapani – Sloworking

Marco Fabio Nannini – Impact Hub Milano

Daniela Dente – Coworking Stazione Lambrate

Paolo Lasagni – Impact Hub Reggio Emilia

Rosario Sapienza – Impact Hub Siracusa

Cosa ne pensi?

Scrivilo nei commenti o sui nostri socials.

NB: Vuoi sostenere le proposte anche tu? 

Firma la lettera su change . org . Vai a Qui

Scopri di più sull’impatto dell’emergenza Covid-19 e Coworking

Le conseguenze immediate

La risposta degli spazi di coworking

Vai a ICSurvey 2020

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Leggi anche

Cover tramonto segnaletica verticali

Scegliere uno spazio di coworking : 7 cose da considerare

Scegliere uno spazio di coworking può non essere facile come sembra. È sufficiente, comunque, porsi le giuste domande in modo da concentrarsi sugli elementi davvero importanti per prendere la decisione corretta. Conoscendo molto bene quali sono i dubbi e le incertezze che possono affliggere freelance, startupper e smart worker, in questo articolo ti daremo i consigli giusti per aiutarti a scegliere il coworking perfetto per te!

Leggi Tutto »
parete arrampicata

I 7 coworking più strani al mondo

Cosa rende un coworking speciale? Non è solo una questione di spazi di lavoro in sé, ma dell’aria che tira all’interno dello spazio. Anche se ogni coworking space è particolare a modo suo, e in grado di catalizzare una specifica community di coworkers al suo interno, è innegabile che esistano alcuni spazi sparsi nel mondo davvero strani e inusuali.

Leggi Tutto »
lucchetto scrivania privacy sicurezza tablet

La sicurezza in coworking: lista delle cose da controllare

Scegliere di lavorare in coworking dà accesso a molti benefici. Ci sono, però, alcuni aspetti che è bene valutare prima di iscriversi a un coworking, soprattutto per prenotazioni a lungo termine. La sicurezza rientra certamente tra i principali parametri di valutazione, a maggior ragione nell’attuale situazione di emergenza sanitaria. Ma come possiamo avere la certezza che un coworking sia effettivamente sicuro? Per rispondere a questa domanda abbiamo raccolto una lista di cose da controllare in merito alla sicurezza degli spazi di lavoro condiviso. Ready? Go!

Leggi Tutto »

I 7 coworking più strani al mondo

Cosa rende un coworking speciale? Non è solo una questione di spazi di lavoro in sé, ma dell’aria che tira all’interno dello spazio. Anche se ogni coworking space è particolare a modo suo, e in grado di catalizzare una specifica community di coworkers al suo interno, è innegabile che esistano alcuni spazi sparsi nel mondo davvero strani e inusuali.

Leggi Tutto »

Meet Bottega Terzo Settore

Abbiamo fatto una lunga e interessante chiacchierata con Claudia Pucciarelli, community manager di Bottega del Terzo Settore, spazio di coworking indipendente nel cuore di Ascoli Piceno. Ci ha raccontato la sua esperienza e abbiamo deciso di condividerla con voi.

Leggi Tutto »

Seguici anche su

New
Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi offerte speciali e novità dai coworking e altri spazi di innovazione

Spazi da non perdere

Gestisci uno spazio di lavoro condiviso?

Premi su Pubblica e inserisci i dati della tua attività. E' gratis e hai tutto per iniziare

PUBBLICA EVENTI E OFFERTE

Fai conoscere quello che fai e le tue promozioni. Premi sotto e inserisci tutti i dettagli. E' gratis.
Clicca qui

Offerte da non perdere

Diventamo partner

Scopri gli spazi disponibili per i tuoi Ads

Ultime da

mood_bad
  • Nessun commento ancora.
  • Aggiungi un commento

    GUARDA I NUMERI DEI COWORKING

    le statistiche navigabili sul mondo del coworking del 2019