Quanto sono redditizi gli spazi di coworking nel mondo?

16 Settembre 2019

I risultati della Global Coworking Survey del 2019 (GCSurvey) disegnano il trend della performance del coworking su scala globale. Ad ottobre saranno disponibili anche i dati della italian coworking survey 2019,  sarà allora interessante comparare come gli spazi nostrani si inseriscono in questi trend. Per il momento ecco come rendono nel mondo gli spazi di coworking e altri numeri e statistiche da conoscere assolutamente.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Quanto sono redditizi gli spazi di coworking nel mondo? La Global Coworking Survey ha da qualche giorno pubblicato il suo rapporto sulla redditività che trovate nella versione integrale in inglese su Deskmag

La GCSurvey 2019 da anni monitora la quota di spazi di coworking redditizi. Tale quota da tre anni è rimasta all’incirca allo stesso livello:  43% di tutti gli spazi di coworking presenta un bilancio attivo, un terzo degli spazi opera in pareggio di bilancio, mentre circa 1/4 degli spazi di coworking perde o continua a perdere.

Se ti stai chiedendo come è la situazione in Italia, la nostra ICSurvey fornisce questi e altri numeri e statistiche sul coworking nel nostro paese. La quota di spazi in attivo in Italia è di 1/3 nel 2018 e sale leggermente nel 2019, come vedremo nel nostro prossimo rapporto.

 

Quasi il 90% degli spazi di coworking che generano profitto soddisfa almeno una di queste tre condizioni:

– avere più di 200 membri,

– essere attivi da più di un anno e

– essere un’attività prevalente.

Questi però non sono gli unici fattori.

 

I trend globali consolidati nel tempo

Anche il rapporto tra i modelli di business non è cambiato molto. L’83% degli spazi è costituito da organizzazioni che hanno come motivazione il “fare business”, mentre il 12% opera come società “non profit”. In Italia la quota di chi apre un coworking per fare business è sensibilemnte più bassa.

Inoltre, come per gli anni precedenti, nel mondo 2/3 di tutti delle organizzazioni che gesticono spazi fanno del coworking la loro attività principale (non secondaria o connessa ad altre attività). Diversamente in Italia tale quota è solo ¼.

 

La quota di nuovi spazi (aperti da un anno o meno) è diminuita leggermente nel mondo.

 

Le novità nei trend globali

Se la quota dei coworking in attivo e delle motivazioni sono trend ormai consolidati (ma abbiamo visto come il nostro paese spesso si distacca da questi trend significativamente), sotto il cofano il coworking sta cambiando rispetto agli anni precedenti.

 

In un nostro articolo a cura di Simone Martinelli avevamo già descritto la crisi dell’openspace e i cambiamenti che si riverberano nel concetto classico di coworking e come gli spazi si stanno modificando. La GCSurvey conferma questi cambiamenti.

Gli spazi di coworking redditizi nel mondo hanno aumentato significativamente il flusso di entrate affittando uffici privati a team o imprese (37%) che superano la quota di entrate da postazioni e piani di abbonamento combinate (35%). Di conseguenza, la disposizione media degli spazi di coworking redditizi è cambiata. Gli uffici privati ​​occupano ora la stessa metratura degli spazi di lavoro in openspace (34%).

La natura “open” del coworking si mantiene solo grazie agli spazi comuni come le aree lounge o il caffè (9%).

 

Infatti la quota dei coworking offre gran parte del proprio spazio come uffici privati cresce a poco meno del 10%. In tempi di forte richiesta di tali spazi, questa forma meno innovativa di subaffitto fornisce una solida base finanziaria, ma mette in dubbio la loro classificazione come spazi di coworking. Un problema che riscontriamo anche noi in Italia nella classificazione soprattutto di nuovi spazi di grandi network.

 

Tassi di abbandono molto alti e molto bassi indicano un’operazione antieconomica

Anche su questo riflettevamo e di fatto abbiamo inserito già dalla prima edizione questa domanda nella Italian Coworking Survey. In genere in italia i tassi sono molto bassi, con una media di permanenza dei coworkers per spazio di oltre un anno.

La GCSurvey ha guardato anche al tasso di abbandono mensile dei membri degli spazi di coworking.

Gli spazi di coworking sono meno profittevoli quando non hanno ricambio di membri o ne hanno troppo ogni mese. La maggior parte degli spazi di coworking opera con profitto quando il tasso di abbandono mensile è di circa il 5%. Più si discostano da questo valore, più precaria diventa la loro situazione finanziaria.

 

 

Deskmag Coworking Italian Coworking3
Flussi in uscita degli spazi di coworking nel mondo per anno (fonte: Global Coworking Survey 2019)

 

Tipi di entrate degli spazi di coworking nel mondo per anno infografica
Tipi di entrate degli spazi di coworking nel mondo per anno (Global Coworking Survey 2019)

 

Ulteriori risultati del rapporto su redditività della Global Coworking Survey 2019 da segnalare

 

– Gli spazi di coworking che gestiscono più di tre sedi hanno maggiori probabilità di registrare un profitto rispetto agli anni precedenti.

 

– Una quantità particolarmente grande di spazio per scrivania non ha necessariamente un effetto negativo. Le scrivanie più piccole con meno di cinque metri quadrati sono spesso altrettanto redditizie delle scrivanie più spaziose con più di venti metri quadrati. Tra questi due estremi, tuttavia, il margine di profitto diminuisce in modo molto più netto rispetto agli anni precedenti all’aumentare della superficie per banco.

 

– Gli spazi di coworking che stipulano un accordo di gestione con il proprietario della posizione, ovvero che non affittano né possiedono il sito, sono spesso straordinariamente redditizi.

 

– Gli spazi nelle grandi città metropolitane sono più spesso redditizi.

 

– Anche nel resto del mondo, la competizione non fa paura. Come negli ultimi anni, le città che hanno già molti spazi di coworking tendono ad essere più redditizie. La probabilità di realizzare un profitto non dipende più dalla saturazione del mercato. A differenza degli anni precedenti, se uno spazio di coworking è redditizio o meno dipende meno dal fatto che ce siano troppi, abbastanza o troppo pochi spazi di coworking nell’area.

 

– Il Break event point (punto di pareggio) raggiunto in dodici mesi. In media nel mondo, gli spazi di coworking raggiungono il pareggio di bilancio entro dodici mesi e poco meno nelle città con oltre un milione di abitanti.

 

– Spazi di coworking redditizi raggiungono i margini più alti quando sono piccoli! Questa è stata la prima volta che la GCSurvey ha condotto un sondaggio sui margini di profitto annuali, scoprendo che i piccoli spazi di coworking raggiungono margini di profitto più elevati (fatte le dovute differenze in termini di movimentazione). In generale, gli spazi di coworking redditizi raggiungono in media un margine medio di circa il 15% è più realistico.

Se si escludono spazi di coworking molto piccoli, il margine aumenta leggermente all’aumentare del numero di membri. Non esiste una correlazione simile quando si tratta di un aumento dell’area. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che i costi per metro quadrato aumentano più che per membro. In italia al contrario sembra che la dimensione dello spazio più che i membri facciano aumentare la redditività (vedi la nostra ICSurvey 2018).

Tuttavia, altre condizioni mostrano una connessione positiva: gli spazi di lavoro possono raggiungere margini di profitto superiori alla media se operano in più sedi, possiedono gli immobili o gestiscono i propri spazi di lavoro per i proprietari in base a un accordo di gestione.

 

– Gli spazi di coworking non redditizi generalmente non offrono prezzi più convenienti, hanno spese più elevate.

 

– Il motivo per cui gli spazi di coworking non redditizi generano perdite non è perché offrono prezzi più convenienti, poiché le loro entrate per membro sono in realtà simili a quelle degli spazi in attivo. Piuttosto le perdite sono da attribuirsi alle più alte spese per singolo membro.

 

– Molti spazi di coworking non hanno bisogno di realizzare un profitto! Un terzo degli spazi di coworking in tutto il mondo è no profit. È probabile che la loro quota rimanga elevata in futuro, poiché molti sostengono che non dipendono molto dal profitto quando si affittano gli spazi di lavoro. Tuttavia, ci sono anche spazi di coworking più giovani tra di loro che tendono a generare cifre economiche positive.

Gli spazi di coworking a “zero-profit-zero-loss” sono piuttosto piccoli, spesso si rivolgono a singoli abbonati, sono gestiti più frequentemente da un lato e generano principalmente entrate dal noleggio di postazioni piuttosto che da uffici privati. Di conseguenza, hanno spesso un design più open.

Le loro entrate per membro sono significativamente inferiori a quelle degli spazi di coworking redditizi e non redditizi. In genere, si trovano più spesso al di fuori delle grandi metropoli. Il loro tasso di occupazione è nella media, di solito riempie tutte le postazioni di lavoro. A differenza degli spazi di coworking redditizi, tuttavia, queste stazioni di lavoro vengono raramente noleggiate più di una volta durante lo stesso periodo.

 

Deskmag Coworking Italian Coworking
Tasso del margine di profitto annuale dei coworking nel mondo in bilancio attivo per numero di membri (Global Coworking Survey 2019)

 

Deskmag Coworking Italian Coworking2
Tasso del margine di profitto annuale dei coworking nel mondo in bilancio attivo per età (Global Coworking Survey 2019)

 


 

Ti è piaciuto quest’articolo? Sei interessato a numeri e statistiche sul coworking in Italia? Allora lascia un commento qui sotto o sui nostri social. Facci sapere cosa ne pensi, contribuisci alla conoscenza del coworking.

Se gestisci uno spazio di coworking iscriviti al nostro gruppo FB Coworking Managers e continua la discussione lì.

 

  • Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Leggi anche

Coworktalenti

CoworkTalenti: la boutique dei professionisti

La scorsa settimana abbiamo avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Alessandro di Cowork Talenti per conoscere meglio l’esperienza del suo coworking a Roma. E’ un ottimo esempio di coworking e di community per professionisti che offre, senza enfatizzare, tanto di più di uno spazio. Per questo abbiamo deciso di raccontarvela.

Leggi Tutto »
imprenditoria femminile coworking solo donne articolo Cover italiancoworking

Imprenditoria femminile: sono i coworking per sole donne il nuovo baluardo

Abbiamo assistito negli ultimi anni ad un’esplosione di coworking space… al femminile! Ebbene sì, sono soprattutto le donne ad apprezzare la flessibilità offerta dagli spazi di coworking, in quanto soluzione smart in grado di conciliare le proprie esigenze lavorative con la vita privata. Certamente la work life balance non serve solo alle donne, ma allora perché sono sempre più le quote rosa a riempire gli spazi?
In quest’articolo cercheremo di indagare sul perché di questa tendenza, per capire quali siano i triggers che si celano dietro le scelte di queste donne, e soprattutto cercheremo di dare una risposta alla domanda posta nel titolo: è veramente all’interno di uno spazio di sole donne che si può sviluppare l’imprenditoria femminile?

Leggi Tutto »

CoworkTalenti: la boutique dei professionisti

La scorsa settimana abbiamo avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Alessandro di Cowork Talenti per conoscere meglio l’esperienza del suo coworking a Roma. E’ un ottimo esempio di coworking e di community per professionisti che offre, senza enfatizzare, tanto di più di uno spazio. Per questo abbiamo deciso di raccontarvela.

Leggi Tutto »

Imprenditoria femminile: sono i coworking per sole donne il nuovo baluardo

Abbiamo assistito negli ultimi anni ad un’esplosione di coworking space… al femminile! Ebbene sì, sono soprattutto le donne ad apprezzare la flessibilità offerta dagli spazi di coworking, in quanto soluzione smart in grado di conciliare le proprie esigenze lavorative con la vita privata. Certamente la work life balance non serve solo alle donne, ma allora perché sono sempre più le quote rosa a riempire gli spazi?
In quest’articolo cercheremo di indagare sul perché di questa tendenza, per capire quali siano i triggers che si celano dietro le scelte di queste donne, e soprattutto cercheremo di dare una risposta alla domanda posta nel titolo: è veramente all’interno di uno spazio di sole donne che si può sviluppare l’imprenditoria femminile?

Leggi Tutto »

racconta la tua esperienza con il coworking

rispondi al questionario per utenti o per gestori