Le edizioni della settimana del lavoro agile, dal 2014 ad oggi cosa è cambiato?

Terzo appuntamento con la rubrica di Smartworking srl e Italian Coworking per diffondere il lavoro agile e approfondire opportunità per smart worker nei coworking. Ecco i il punto su cosa è cambiato nella settimana del lavoro agile a Milano.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

PREMESSA

La volta precedente abbiamo visto i vantaggi e gli svantaggi per un’azienda che attua lo smart working usufruendo dei coworking come alternativa alla casa. In questa occasione parleremo invece di un’iniziativa del Comune di Milano giunta ormai alla sua quinta edizione, La Settimana del Lavoro Agile, che incentiva le aziende aderenti ad utilizzare i coworking come alternativa al classico ufficio per i propri dipendenti.

 

Perchè nasce la settimana del lavoro agile?

L’iniziativa, volta a sensibilizzare aziende e lavoratori sulla cultura dell’innovazione dei modelli di lavoro flessibili, ha lo scopo di migliorare il benessere organizzativo e la conciliazione vita-lavoro, sostenendo in particolare la conoscenza e l’implementazione della modalità di Lavoro Agile.

L’obiettivo dell’iniziativa è chiaro, diffondere una cultura lavorativa nuova fondata sul benessere dei lavoratori che innalzi la qualità di vita, rendendola migliore. In che modo? Dando la possibilità alle aziende e ai loro lavoratori di sperimentare questa modalità, sganciandosi dalla postazione di lavoro fissa e lavorando per un giorno, o più, in altri luoghi consoni.

Inizialmente nata come progetto sperimentale nel 2014, la “Giornata del Lavoro Agile” ha presenziato tre edizioni per poi presto trasformarsi in “Settimana del Lavoro Agile” nel 2017. In questo modo le aziende aderenti hanno potuto e possono tuttora estendere la sperimentazione a più giornate con l’opportunità di organizzare eventi divulgativi sul tema e peer mentoring per le organizzazioni nuove all’iniziativa.

 

I primi a portare i dipendenti nei coworking 

A partire dal 2016 e per tre anni consecutivi noi di Smartworking srl abbiamo collaborato con il Comune di Milano in occasione dell’iniziativa. In particolare ci siamo focalizzati sui coworking come luoghi di condivisione e sulla loro divulgazione come alternativa al classico ufficio. 

Per fare ciò abbiamo sviluppato una web app che ha semplificato il processo di ricerca e prenotazione degli spazi e ha fornito supporto in caso di necessità. I lavoratori delle aziende potevano in questo modo cercare lo spazio ideale per svolgere le proprie attività in base alla comodità, la disponibilità e le caratteristiche delle aree di lavoro utilizzando il network degli spazi di Coworking del Comune di Milano.

Il nostro obiettivo era quello di dare la possibilità, soprattutto a chi non l’avesse mai sperimentata, di vivere un’esperienza nel coworking ai dipendenti aziendali. Ci siamo riusciti e alla fine abbiamo raccolto i feedback tra entusiasmo, spaesamento e scetticismo. 

 

Qualche numero

Ogni anno in cui abbiamo partecipato attivamente all’iniziativa del Comune abbiamo infatti svolto una survey finale per raccogliere le valutazioni dei partecipanti all’esperienza. 

Nel 2016 abbiamo avuto 105 prenotazioni al servizio, su 42 rispondenti al questionario, l’81% di questi era alla prima esperienza all’interno di uno spazio condiviso, il 43% ha decretato il coworking un’alternativa più produttiva rispetto alla propria casa.

Nel 2017 le prenotazioni sono state 227,  48 i rispondenti al questionario, ed il  31% afferma di essere stato più produttivo in una giornata di coworking rispetto che a casa propria.

Nel 2018 le prenotazioni sono state 139, abbiamo analizzato la produttività del luogo di lavoro: anche in questo caso vince il coworking, seguito dalla casa e solo all’ultimo posto l’ufficio.

Ciò che si evince alla fine di tutte le interviste è che la scelta di lavorare in un coworking si pone come più competitiva rispetto alle più tradizionali scelte dell’ufficio e della casa. Quest’ultima rimane quella che trasmette più sicurezza e dove si riesce a raggiungere un maggiore livello di concentrazione, mentre il coinvolgimento del lavoratore all’interno della community di uno spazio condiviso rimane un aspetto su cui questi ultimi devono ancora migliorare. Ecco alcuni feedback dei partecipanti che hanno lavorato da un coworking:

 

“Esperienza molto positiva. Ho concentrato, in un ambiente dinamico ma anche naturalmente predisposto per la concentrazione e il focus, una serie di attività di scrittura e razionalizzazione. Tutto molto bello e utile. Ho risparmiato anche circa 1/2 ora di tempo per trasporto casa-ufficio.”

 

“Un ambiente giovane e dinamico. Non solo uno spazio di lavoro ma di condivisione utile a sponsorizzare il proprio settore o azienda. Esperienza positiva dal quale nasceranno opportunità.”

 

“Uno staff gentile e un ambiente gradevole, un’esperienza nuova che ho apprezzato.”

 

Una conferma negli anni

Partecipare a diverse edizioni ci ha dato modo di osservare l’oggettiva evoluzione dell’iniziativa sotto diversi punti di vista. Ad oggi possiamo dire che il progetto è stato accolto con successo in tutte le sue edizioni e che la novità che ha portato con sé è stata apprezzata dai più. Anno dopo anno il progetto si è connotato di elementi di partecipazione nuovi e coinvolgenti, il Comune di Milano ha, per esempio, anche condotto sperimentazioni per l’implementazione dello smart working con campagne di sensibilizzazione dedicate.

Per molti lavoratori è stata l’occasione per scoprire postazioni nuove di lavoro che nulla hanno da invidiare agli uffici, altri hanno scoperto che lavorare da un coworking è molto più produttivo che lavorare da casa e per i coworking stessi è stato un modo per mettersi in gioco e scoprire dei punti deboli sui quali potersi migliorare.

Nonostante il successo dell’iniziativa e le conferme nel corso degli anni, siamo convinti che il cambio di mentalità, elemento fondamentale da cui partire per un cambiamento culturale più ampio, dei dipendenti, ma soprattutto delle aziende, sia ancora in una fase latente. 

La Settimana del Lavoro Agile rimane senza dubbio un’iniziativa di riferimento per la diffusione delle buone pratiche per tutte le città italiane con Milano che fa da capofila nella valorizzazione degli spazi di coworking, delle politiche di conciliazione vita-lavoro e dello smart working come nuovo modello di governance aziendale.

 

Non esiste un luogo perfetto

A nostro parere lo spazio perfetto dove svolgere la propria attività lavorativa non esiste. Casa, Coworking e Ufficio hanno tutti i loro pregi e i loro difetti. La casa risulta essere ideale per la concentrazione e la conciliazione, il coworking perfetto per chi non vuole sentirsi solo mantenendo comunque un elevato livello di concentrazione e l’ufficio insostituibile per il senso di appartenenza che genera con la propria azienda ed i colleghi. 

Amanti dei coworking, noi non possiamo che sostenere e valorizzare questa alternativa, luoghi unici e ricchi di opportunità, sia personali che professionali, dove l’incontro e lo scambio sono all’ordine del giorno. 

E se il luogo perfetto dove lavorare non esiste non resta che sperimentare e trovare lo spazio perfetto per te stesso in attesa che siano le aziende stesse a diventare Coworking.




Smart Working è la rubrica che nasce dalla collaborazione tra Smartworking srl e Italian Coworking.

Lo scopo è di affrontare un tema sempre più attuale e diffuso, il rapporto tra Lavoro Agile e Coworking, attraverso una visione il più possibile aggiornata e veritiera. In sostanza vogliamo raccontare lo smart working come possibilità data al lavoratore di conciliare il proprio lavoro con quelle che sono le sue esigenze personali. Crediamo che in una realtà lavorativa come quella di oggi, sempre più attenta ai bisogni dei dipendenti, introdurre il Lavoro Agile è diventato un dovere da parte delle aziende che si troverebbero altrimenti con una marcia in meno rispetto agli altri player.

Vi aspettiamo il prossimo mese con  la terza uscita

Leggi la prima puntata:  “Lavorare da casa non è poi così smart”. 

Leggi la seconda puntata: “Fare Smart Working nei Coworking: vantaggi e svantaggi per le aziende“​​

A presto

 

Lascia un commento sotto.

Smartworking srl

Smartworking srl

Siamo un team che da anni si occupa di progetti di innovazione organizzativa, crediamo nel Lavoro Agile in quanto modalità lavorativa che permette alle aziende di aumentare competitività ed efficacia e allo stesso tempo di avere dipendenti felici.

Vai a Smartworking srl
  • Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Leggi anche

Coworktalenti

CoworkTalenti: la boutique dei professionisti

La scorsa settimana abbiamo avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Alessandro di Cowork Talenti per conoscere meglio l’esperienza del suo coworking a Roma. E’ un ottimo esempio di coworking e di community per professionisti che offre, senza enfatizzare, tanto di più di uno spazio. Per questo abbiamo deciso di raccontarvela.

Leggi Tutto »
imprenditoria femminile coworking solo donne articolo Cover italiancoworking

Imprenditoria femminile: sono i coworking per sole donne il nuovo baluardo

Abbiamo assistito negli ultimi anni ad un’esplosione di coworking space… al femminile! Ebbene sì, sono soprattutto le donne ad apprezzare la flessibilità offerta dagli spazi di coworking, in quanto soluzione smart in grado di conciliare le proprie esigenze lavorative con la vita privata. Certamente la work life balance non serve solo alle donne, ma allora perché sono sempre più le quote rosa a riempire gli spazi?
In quest’articolo cercheremo di indagare sul perché di questa tendenza, per capire quali siano i triggers che si celano dietro le scelte di queste donne, e soprattutto cercheremo di dare una risposta alla domanda posta nel titolo: è veramente all’interno di uno spazio di sole donne che si può sviluppare l’imprenditoria femminile?

Leggi Tutto »

CoworkTalenti: la boutique dei professionisti

La scorsa settimana abbiamo avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Alessandro di Cowork Talenti per conoscere meglio l’esperienza del suo coworking a Roma. E’ un ottimo esempio di coworking e di community per professionisti che offre, senza enfatizzare, tanto di più di uno spazio. Per questo abbiamo deciso di raccontarvela.

Leggi Tutto »

Imprenditoria femminile: sono i coworking per sole donne il nuovo baluardo

Abbiamo assistito negli ultimi anni ad un’esplosione di coworking space… al femminile! Ebbene sì, sono soprattutto le donne ad apprezzare la flessibilità offerta dagli spazi di coworking, in quanto soluzione smart in grado di conciliare le proprie esigenze lavorative con la vita privata. Certamente la work life balance non serve solo alle donne, ma allora perché sono sempre più le quote rosa a riempire gli spazi?
In quest’articolo cercheremo di indagare sul perché di questa tendenza, per capire quali siano i triggers che si celano dietro le scelte di queste donne, e soprattutto cercheremo di dare una risposta alla domanda posta nel titolo: è veramente all’interno di uno spazio di sole donne che si può sviluppare l’imprenditoria femminile?

Leggi Tutto »
mood_bad
  • Nessun commento ancora.
  • chat
    Aggiungi un commento

    racconta la tua esperienza con il coworking

    rispondi al questionario per utenti o per gestori