Lavorare da casa non è poi così smart

19 Luglio 2019

Sei davvero sicuro che lavorare da casa sia la migliore soluzione per migliorare tua attività lavorativa? Il Lavoro Agile ti offre tanto di più, ecco in breve qualche suggerimento da chi si occupa di Smart Working da sempre. Smartworking srl e Italian Coworking aprono oggi una rubrica insieme per diffondere il lavoro agile e approfondire opportunità per smart worker nei coworking.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Vietato lavorare da casa!

Avete iniziato da poco a sperimentare lo Smart Working e vi è sembrato tutto meravigliosamente perfetto. Avete detto addio alle sveglie stressanti e alle code infinite nel traffico. Tutto ad un tratto vi siete ritrovati con più tempo a disposizione, da gestire in totale autonomia e comodamente dalla vostra casa. Ma, siete sicuri che dopo una settimana di lavoro “smart” vi sentiate ancora così soddisfatti? Certo, assaporare la tranquillità offerta dalla propria casa durante la settimana è sicuramente molto appagante, e poi? I primi giorni sono trascorsi, l’euforia ha cominciato a calare, come ci si sente a lavorare con un aspirapolvere in funzione da ore come sottofondo? E con la bambina del piano di sotto che non la smette di piangere? Trovare la concentrazione a casa può non essere sempre così facile. Per non parlare di quel senso di solitudine che vi avvolge mentre il mondo continua ad andare avanti anche senza di voi. Insomma, vi siete resi conto che trascorrere le giornate con addosso la tuta, o peggio ancora, il pigiama e quell’aria vagabonda, probabilmente, non è il modo migliore di conciliare la vostra vita professionale con quella privata. 

Scegliere il luogo di lavoro

Lavorare da casa in una giornata di smart working potrebbe non essere l’unica alternativa. La legge 81/2017 ha infatti riconosciuto lo Smart Working, con il nome di Lavoro Agile, come una forma di lavoro organizzata per fasi, cicli e obiettivi che non prevede vincoli per quanto riguarda il luogo ed il tempo in cui  svolgere la propria attività lavorativa. Una volta firmato l’accordo e l’informativa sulla sicurezza sul lavoro, ogni dipendente può scegliere autonomamente dove lavorare per quella giornata: al parco, a casa o, magari, in un coworking, l’importante è che riesca a raggiungere i propri risultati. Il focus si sposta in questo senso sugli obiettivi dei lavoratori per aumentare la competitività delle aziende e aiutare la conciliazione. È un’utopia poter scegliere dove e come inseguire i propri obiettivi?  Oggi non più. 

Un nuovo senso del lavorare

Noi in tutto questo ci abbiamo creduto e ci crediamo tuttora e  abbiamo deciso di esplorare e approfondire il tema del Lavoro Agile. Nel corso degli anni abbiamo raccolto molteplici feedback provenienti da dipendenti di aziende diverse che sperimentavano lo Smart Working in uno spazio di coworking. Alcuni hanno avuto un forte riscontro positivo, ritenendo che: “Un’ora di lavoro qui è come 3 giorni di lavoro in ufficio”, “Mi sono concentrata più di quanto credessi di poter fare oggi. Sono riuscita ad andare via ad un orario decente e senza mail da leggere a casa. Sono piuttosto soddisfatta”; altri ancora sono riusciti a “Superare le aspettative di sharing e confronto” e a trovare un “Punto di appoggio per un meeting per poi rimanere qui”. Qualcuno ha invece riconosciuto il potenziale accusando lo scontro inevitabile con l’abitudine e ha affermato che il coworking fosse “Molto bello, tante possibilità, ci si deve abituare”.  Proprio da quest’ultima espressione nasce la vera sfida: riuscire a cambiare la cultura con cui siamo cresciuti. Il tema centrale della nostra impresa è portare le persone che lavorano a tutti i livelli in azienda ad “abituarsi a non avere le abitudini”, a cancellare quella routine poco virtuosa che, spesso, un luogo di lavoro inevitabilmente ti impone dopo anni. Significa, in primo luogo, dare un nuovo senso condiviso del lavorare.    

Vietato lavorare da casa è solo il primo di quelli che saranno quattro articoli in totale entro la fine dell’anno, grazie ad una collaborazione nata tra Smartworking srl e Italian Coworking.

Questa sorta di “rubrica” avrà lo scopo di affrontare un tema sempre più attuale e diffuso, quello dello smart worker nei coworking, in quanto azienda composta da professionisti nel settore del Lavoro Agile, daremo una visione il più possibile aggiornata e veritiera. In sostanza vogliamo raccontare lo smart working come possibilità data al lavoratore di conciliare il proprio lavoro con quelle che sono le sue esigenze personali. Crediamo che in una realtà lavorativa come quella di oggi, sempre più attenta ai bisogni dei dipendenti, introdurre il Lavoro Agile è diventato un dovere da parte delle aziende che si troverebbero altrimenti con una marcia in meno rispetto agli altri player.

Vi aspettiamo a settembre con  la seconda uscita: “Fare smart working nei coworking, scopriamo i vantaggi e gli svantaggi”. Buone vacanze!

Smartworking srl

Smartworking srl

Siamo un team che da anni si occupa di progetti di innovazione organizzativa, crediamo nel Lavoro Agile in quanto modalità lavorativa che permette alle aziende di aumentare competitività ed efficacia e allo stesso tempo di avere dipendenti felici.

Vai a Smartworking srl
  • Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Leggi anche

Coworktalenti

CoworkTalenti: la boutique dei professionisti

La scorsa settimana abbiamo avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Alessandro di Cowork Talenti per conoscere meglio l’esperienza del suo coworking a Roma. E’ un ottimo esempio di coworking e di community per professionisti che offre, senza enfatizzare, tanto di più di uno spazio. Per questo abbiamo deciso di raccontarvela.

Leggi Tutto »
imprenditoria femminile coworking solo donne articolo Cover italiancoworking

Imprenditoria femminile: sono i coworking per sole donne il nuovo baluardo

Abbiamo assistito negli ultimi anni ad un’esplosione di coworking space… al femminile! Ebbene sì, sono soprattutto le donne ad apprezzare la flessibilità offerta dagli spazi di coworking, in quanto soluzione smart in grado di conciliare le proprie esigenze lavorative con la vita privata. Certamente la work life balance non serve solo alle donne, ma allora perché sono sempre più le quote rosa a riempire gli spazi?
In quest’articolo cercheremo di indagare sul perché di questa tendenza, per capire quali siano i triggers che si celano dietro le scelte di queste donne, e soprattutto cercheremo di dare una risposta alla domanda posta nel titolo: è veramente all’interno di uno spazio di sole donne che si può sviluppare l’imprenditoria femminile?

Leggi Tutto »

CoworkTalenti: la boutique dei professionisti

La scorsa settimana abbiamo avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Alessandro di Cowork Talenti per conoscere meglio l’esperienza del suo coworking a Roma. E’ un ottimo esempio di coworking e di community per professionisti che offre, senza enfatizzare, tanto di più di uno spazio. Per questo abbiamo deciso di raccontarvela.

Leggi Tutto »

Imprenditoria femminile: sono i coworking per sole donne il nuovo baluardo

Abbiamo assistito negli ultimi anni ad un’esplosione di coworking space… al femminile! Ebbene sì, sono soprattutto le donne ad apprezzare la flessibilità offerta dagli spazi di coworking, in quanto soluzione smart in grado di conciliare le proprie esigenze lavorative con la vita privata. Certamente la work life balance non serve solo alle donne, ma allora perché sono sempre più le quote rosa a riempire gli spazi?
In quest’articolo cercheremo di indagare sul perché di questa tendenza, per capire quali siano i triggers che si celano dietro le scelte di queste donne, e soprattutto cercheremo di dare una risposta alla domanda posta nel titolo: è veramente all’interno di uno spazio di sole donne che si può sviluppare l’imprenditoria femminile?

Leggi Tutto »
mood_bad
  • Nessun commento ancora.
  • chat
    Aggiungi un commento

    racconta la tua esperienza con il coworking

    rispondi al questionario per utenti o per gestori